Gli strumenti del tuo successo

Ciao, rieccomi da te a parlarti di qualcosa di fondamentale: Gli strumenti del tuo successo.

materiale-e-strumenti-per-riparazioni

Durante la giornata nelle tue varie attività (lavoro, studio, sport, relax etc.) ti trovi a dover usare diversi strumenti, ad esempio il Computer in molti casi, oppure attrezzature particolari per un lavoro o qualunque genere di strumento che ti possa essere utile per il regolare svolgimento di esse.

Ora, per avere successo e concretizzare il tuo lavoro, hai bisogno di tenere a mente due fattori:

– Gli strumenti devono essere il top
– Tu devi saperli sfruttare al massimo

Solo in questo modo risparmierai molto tempo utile, riuscirai ad essere più efficace e soprattutto riuscirai a svolgere le tue attività nel migliore dei modi.
Prova ad immaginare un falegname costretto a costruire un mobile con un solo cacciavite e un solo martello, di sicuro non riuscirebbe a tirar fuori un prodotto eccellente.

Hai tralasciato qualche strumento ultimamente? Sei indietro con la tecnologia? Bene allora rimettiti sotto e torna in forma.
Yes i want.

P.s. Anche il cellulare deve essere uno strumento utile a semplificarti la vita… Non complicartela! 🙂

Annunci

“C” come Check!

Ciao, oggi ti parlerò di una cosa molto importante, il controllo (o monitoring).

Nelle attività che svolgiamo e che sono strettamente connesse con il nostro successo (esami, lavoro, passioni personali) è parte fondamentale del nostro percorso il controllo.

controllo 

Così come lo Stato si affida all’ISTAT per monitorare la situazione del paese a 360° è bene che voi facciate lo stesso nelle vostre attività, per riconoscere cose quali: limiti, perdite di tempo, azioni critiche, posizioni favorevoli o sfavorevoli e altri dati importanti.

Per iniziare il controllo ti offro cinque domande che ti possono aiutare nel monitoraggio:

1-  Come ho suddiviso il lavoro da svolgere?
2- Sono stato fedele alla pianificazione iniziale?
3-  Ho impiegato bene il tempo a disposizione?
4- Quali sono stati i momenti in cui ho avuto maggiori difficoltà e quelli con minore difficoltà?
5- Quali sono i punti deboli del lavoro svolto?

Rispondendo con sincerità a queste domande, troverai automaticamente una via più efficace per svolgere la tua attività.

Ricorda che non esiste un piano perfetto, tutto è migliorabile, la cosa importante è dunque capire i propri errori, correggere il tiro e ripartire ancora più determinati.

Ora controlla. E vai. Yesiwant.

5 Azioni per migliorare la tua giornata.

new-super-mario-bros-20050515005341289
Ciao, dopo l’articolo su come uscire dalla crisi (questo) voglio darti 5 azioni che se eseguite quotidianamente renderanno ogni tuo giorno migliore, stimolando una sensazione di benessere e di energia, permettendoti di affrontare gli impegni quotidiani con maggiore sprint.

1 – Appena ti svegli non correre verso il frigo, ma fai 3 respiri intensi e ritrova il contatto con il tuo corpo ancora irrigidito dalla notte. Sciogliti un pochino con uno stretching leggero, senza fare esercizi troppo drastici o movimenti violenti.

2- La mattina (ma anche durante il giorno può andare bene) visualizza il tuo successo. Voglio in pratica che immagini le sensazioni piacevoli che proverai nel momento in cui avrai realizzato il tuo obiettivo (Es. “Ottenere una promozione sul lavoro”)

3- Controlla l’alimentazione, durante tutto il giorno. Evita cibi grassi, fritti o molto pesanti. Mangiare leggero stimola processi di benessere psico-fisici.

4- Aiuta almeno una persona. Quando aiutiamo qualcuno in una qualsiasi cosa ci sentiamo meglio. Stimoliamo la nostra socievolezza e facciamo in modo che gli altri si aprano a noi. Aiutare qualcuno è semplice ed è uno dei primi modi per stare bene. (Attenzione a non farti sfruttare però, quella è un altra cosa :))

5- Sorridi. Tutto quì, magari non ci riuscirai, magari certe volte è proprio faticoso, ma sforzarsi ogni giorno per mantenere un sorriso sincero e aperto alla nostra vita rende le nostre giornate magnifiche. Se proprio hai una di quelle giornate nere mettiti nel tuo iPod un bel po’ di musica piena di energia e grinta, ritroverai subito il sorriso!

Bene, ti invito a seguire queste semplici azioni ogni giorno, riuscire a migliorare la propria vita è qualcosa che parte dal nostro impegno quotidiano. Se ogni istante vivrai con energia e col sorriso la tua vita (fatta di istanti) sarà una vita di successo e di soddisfazioni.

Yesiwant. La via per il successo personale.

Allenarsi al cambiamento

Il cambiamento è la cosa più difficile da accettare, ma è fonte di inesauribile miglioramento. Ogni cambiamento fatto ci porta magari delle difficoltà, ma inevitabilmente porta freschezza e il più delle volte migliora la nostra vita.

pict_20080401pht25392
Ti propongo un sistema divertente per allenarti al cambiamento.
Individua tre abitudini tipiche della tua giornata.

Es.
1 “Mi alzo prendo il caffè”
2 “Studio su quella scrivania dopo pranzo”
3 “Guardo un po’ di tv prima di cena”

Ora voglio che per cinque giorni tu stravolga queste abitudini ogni giorno. Cioè ogni giorno sostituisci una delle tre azioni con una diversa.

Es.
Lunedì: “Mi alzo e bevo un orzo” “Studio in un parco” “Leggo un libro prima di cena”
Martedì: “Mi alzo e bevo una tisana” “Studio in biblioteca” “Faccio un solitario prima di cena”
Etc.

Capito come funziona? Ora, anche se ti potrebbe sembrare facile, cambiare le proprie abitudini è la cosa più difficile da fare. Soprattutto cambiarle così spesso. Eppure allenarsi per una sola settimana ti porterà benefici immensi. Questa tecnica ti consentirà di allenare il tuo cervello al cambiamento, e ogni volta che ti servirà sarai pronto per cambiare quelle situazioni importanti della tua vita.

Meglio cambiare ne?

Tutti imparano a camminare

caught_in_the_middle_by_xrawramanduhx
Quando sei piccolo, molto piccolo, non cammini. Non lo sai fare. Vai a quattro zampe. Poi piano piano ti sfidi. Ti dici “ma sì, tutti intorno a me stanno in piedi e sembrano così veloci, così scattanti, imparare a camminare deve farmi proprio migliorare!”

Detto questo Ti alzi. Caschi. Ti rialzi. Ri-caschi. Ti rialzi. Ri-caschi. Ti rialzi. Ri-caschi. Ti rialzi. CAMMINI.

Perchè? Perchè tutti i bambini imparano a camminare? Per quale ragione nessun bambino all’ennesima volta che cade magari anche facendosi male si ferma? Secondo te è perchè quando eri piccolo qualcuno ti incitava a rialzarti? O ti obbligava?

NO. Tu avevi deciso di RIALZARTI. Avevi scelto di CAMMINARE, non di restare tutta la vita per terra. Volevi una cosa. L’hai ottenuta.

Perchè oggi non è sempre così? Cosa è cambiato da allora? Per quale maledetto motivi oggi quando vuoi una cosa ti fermi anche solo dopo la prima difficoltà?  Hai un obiettivo? ALZATI e vallo a prendere. Ti costasse anche 10,100,1000 cadute. Tu ti RIALZERAI SEMPRE e combatterai ogni istante. Camminerai. Vincerai.

Yesiwant.

Che fai ancora lì per terra?  Alzati. Ora.

Yes we can? NO YES I WANT!

Molti mi hanno domandato il perchè di questo nome.. Dunque, nonostante il mio apprezzamento per Obama, un simbolo di cambiamento e freschezza (salvo poi vedere quello che combinerà) io parto da questa riflessione:

Tutti possiamo. Madre Natura ci ha resi tutti dotati di una grande forza interiore, da poter utilizzare per vincere nella vita.. Certo yes we can ci vuole poco a dirlo, è già determinato.

Ma solo chi ha il coraggio di affermare YES I WANT raggiungerà i propri obiettivi.
Ti sfido a scrivere su un pezzo di carta 5 obiettivi importanti per la tua vita. Ora appendi la tua lista in un punto in cui sia sempre ben visibile; impegnati ogni istante a compiere azioni che ti avvicineranno al raggiungimento di questi obiettivi.
Se invece di sprecare le tue giornate davanti alla televisione o davanti al computer ti impegnerai con costanza vincerai.

yesiwantpromo11

Yes i want. La via per il successo personale.

Time management – Legge di Parkinson

Minor tempo maggior motivazione = maggior rendimento.

Vi è mai capitato? Probabilmente sì, quando ci resta poco tempo per portare a termine un obiettivo diventiamo improvvisamente più veloci e più motivati e riusciamo a lavorare in maniera sovrumana e più efficace.
L’esempio più lampante è quello di Pierino che durante tutta l’estate non apre mai il suo quaderno per fare i compiti delle vacanze, e poi ad una settimana dall’inizio del nuovo anno scolastico riesce (lavorando 19 ore al giorno) a finire l’enorme mole di compiti.

syd-5aerlntueyg1b1urwbro_layout
Ebbene, volete ridurvi sempre all’ultimo momento come Pierino? Se vi piace non fare niente per due mesi e poi ammazzarvi e stressarvi per una settimana fate pure, ma voglio darvi un piccolo trucchetto che vi farà vivere meglio e vi farà essere produttivi anche con obiettivi che apparentemente sono lontani.

Supponiamo di trovarci ad un mese dall’esame universitario X, e per superarlo dovrete studiare 300 pagine. Avreste quindi a disposizione 31 giorni, dunque 300/31 = 10 pagine giornaliere (arrotondate per eccesso). Ora supponiamo che queste 10 pagine giornaliere siano studiabili in 2 ore.
Bene, prendete il vostro Timer (conto alla rovescia) e impostatelo in modo da avere a disposizione per le vostre 10 pagine 1 ora e 45 minuti, facendo in modo che riducendo il tempo a disposizione aumenterà la vostra motivazione e quindi il vostro rendimento.
Così facendo vi ritroverete sotto l’esame a non dovervi affaticare e a non dovervi stressare inutilmente.

Una buona pianificazione vi porterà ad un accumulo notevole di tempo, e unendo una buona pianificazione ai principi della legge di Parkinson vi ritroverete a faticare per meno tempo e a migliorare il vostro rendimento.

Buon lavoro!